Dendrochirurgia per salvare i vigneti dal mal d’esca senza estirparli, il 90% delle piante operate torna pienamente produttivo!

Dendrochirurgia, ovvero la nuova frontiera per salvare i vigneti dal mal d’esca, probabilmente la più grave e diffusa malattia che colpisce i vigneti di tutto il mondo e in particolar modo quelli europei.

Una novità importantissima, che interesserà sicuramente tutti i vignaioli! A mettere a punto una tecnica letteralmente “chirurgica” per evitare che le piante ammalate siano estirpate e sostituite sono stati “Simonit&Sirch – preparatori d’uva” che, dopo cinque anni di lavori e sperimentazioni in vigneti italiani e francesi, presentano ora i primi, sorprendenti risultati raggiunti: il 90% delle piante trattate è tornato pienamente produttivo. “Banalizzando, si può paragonare il nostro intervento a quanto fa un dentista per curare una carie – spiega Marco Simonit – utilizzando delle piccole motoseghe, apriamo il tronco ed esportiamo la parte intaccata dal mal d’esca. La pianta, ‘disintossicata’ dalla malattia, riacquista nel giro di poco tempo vigore, riprende a fruttificare e torna pienamente produttiva”. Un esito d’enorme importanza sia per la qualità dei vini che per la ricaduta economica. Infatti, estirpando le viti malate e sostituendole con nuove barbatelle, si crea nel vigneto una disparità della qualità delle uve, che influisce ovviamente sulla qualità e quantità del vino: avere piante più longeve possibile è un’esigenza prioritaria per tutti i vignaioli, ma soprattutto per le più importanti maisons internazionali, dato che garantisce la continuità qualitativa e la riconoscibilità dei loro grandi vini. La dendrochirurgia consente inoltre alle aziende notevolissimi risparmi, dato che si evita il costo del reimpianto (estirpo delle viti malate, scavo delle buche, impianto delle barbatelle, allevamento) e si ovvia alla mancata produzione da parte delle nuove piante per almeno tre anni. Facendo ricerche bibliografiche, i “preparatori d’uva“ hanno trovato testimonianze di una tecnica per risanare le piante infette da esca e eliminare il legno cariato che risale a circa cent’anni fa: “Abbiamo quindi pensato di sperimentare la dendrochirurgia, descritta da Ravaz e Lafon come praticata fin dall’antichità e da Poussard alla fine dell’Ottocento con risultati molto incoraggianti, addirittura il 90-95% di ceppi risanati – racconta Simonit – e grazie all’interessamento del professor Denis Dubourdieu, recentemente scomparso, già direttore dell’ISVV (istitut des sciences de la vigne et du vin) dell’Università di Bordeaux, l’abbiamo messa in pratica con strumenti moderni”. Le prime prove sono state fatte nel 2011 a Chateau Reynon, quindi da Schiopetto in Friuli e da Bellavista in Franciacorta. In sei anni di lavoro e sperimentazione, sono state operate 10mila piante di cinque varietà (Sauvignon blanc, Chardonnay, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Pinot nero), in vigneti italiani e francesi di sei regioni viticole: Collio, Isonzo, Franciacorta, Bolgheri, Champagne, Borgogna e Bordeaux. Sette “chirurghi” Simonit & Sirch si dedicano oggi alla formazione delle maestranze interne alle aziende per insegnare le delicate e precise operazioni che portano a perfetti risultati di dendrochirurgia: “In quattro anni – dal 2013 al 2016 – il 90% delle piante di Sauvignon operate nell’azienda Schiopetto sono tornate produttive e addirittura il 96% di quelle di Chateau Reynon – conclude Simonit – siamo assolutamente soddisfatti di questi risultati, ma non ci fermeremo qui perché il nostro è un lavoro sempre in progress. Dobbiamo, a esempio, verificare qual è il miglior periodo dell’anno per intervenire, con quanta frequenza dobbiamo farlo, quante piante può operare al giorno una persona e per quanto tempo le piante che operiamo rimangono asintomatiche.”