Successo strepitoso per la VI Granfondo del Gallo Nero

2018: annata eccellente per la vendemmia …e per la bicicletta. Successo strepitoso per la VI Granfondo del Gallo Nero

Domenica è andata in scena a Radda in Chianti la VI edizione della Granfondo del Gallo Nero.  Oltre 1500 gli iscritti alla gara che ha visto primi assoluti Alessandro Biachin per il medio e Federico Pozzetto per il lungo.
In quota rosa Chiara Turchi per la Mediofondo e Arianna Marchesini per la Granfondo.
L’appuntamento il prossimo 22 settembre 2019 per tornare a vivere l’emozione di correre tra i filari del Chianti Classico.

1 ottobre 2018, Tavarnelle Val di Pesa – Si è conclusa da poche ore la VI edizione della Granfondo del Gallo Nero, che con oltre 1500 iscritti è di diritto una delle gare più partecipate della Toscana, prodotta dal Consorzio Vino Chianti Classico in collaborazione con la Ciclistica Grevigiana.

La gara. Al via il direttore del Consorzio Chianti Classico Carlotta Gori il Sindaco di Radda Pierpaolo Mugnaini, mentre in griglia con il pettorale 1716, il neoeletto Presidente del Consorzio Giovanni Manetti, che ha letteralmente portato indosso la storia della denominazione, il cui territorio è stato delimitato per la prima volta dal bando del penultimo dei Medici, Cosimo III, il 24 settembre 1716.

Due i percorsi, La Granfondo di 135 km (2.620 mt di dislivello complessivo) ha attraversato prima il versante fiorentino per poi scendere a sud verso quello senese; e la meno impegnativa Mediofondo di 83 km (1.525 mt dislivello), sull’anello nord.

Un percorso di grande attrattiva per i suoi scorci mozzafiato, che è stato apprezzato in particolare grazie alle condizioni meteo che hanno regalato una giornata di estate a fine settembre in piena vendemmia, animata da centinaia di ciclisti che hanno indossato la maglia firmata Gallo Nero tra le colline del Chianti Classico.

Tanti gli appassionati da fuori regione e dall’estero, per oltre il 60% degli iscritti, conquistati dalla bellezza delle colline del Gallo Nero e dalla qualità organizzativa, confermata dai primi commenti a caldo:

Ulrich Fluhme, padre della Granfondo New York, “Un percorso ottimo, con asfalto perfetto nelle discese, con panorami stupendi. Complimenti all’organizzazione per il pasta party di grande qualità…e per il vino eccellente!”

Eros Poli, campione olimpionico nel 1984 e vincitore di una tappa del Tour de France rimasta nella storia, “senz’altro una delle più bella Granfondo d’Italia, fluida e veloce: una gara che permette di godersi il Chianti, un luogo unico al mondo, da correre in compagnia”

Patrizio Rampazzo, velocista e più volte campione italiano, “Fortunata la giornata di tempo perfetto, mentre il paessaggio non delude, un bel percorso, dolce e ondulato. Granfondo da rifare!”

Dario Cioni, campione italiano della prova a cronometro nel 2004 ed ex professionista protagonista del Giro d’Italia, “Un’edizione speciale baciata dal sole, su un percorso impegnativo al punto giusto che lascia il tempo di girare la testa e ammirare il paesaggio. Organizzazione ottima… e si vede anche dal numero di partecipanti!”

I premiati. Il primo a tagliare il traguardo è il veneto Alessandro Bianchin, mentre il testa a testa sul lungo vede vincitore Federico Pozzetto. In quota rosa strappano lo scalino più alto del podio Chiara Turchi nella mediofondo e Arianna Marchesini nella Granfondo.

La squadra quest’anno va a Bicisport, il team più nutrito a partecipare.

I premi. Come consuetudine, il premio per i primi di categoria è stata una bottiglia formato magnum delle aziende del Chianti Classico. Ai primi assoluti anche un trofeo realizzato dall’artista del territorio Francesco Bruni, già mano che ha disegnato la maglia 2017, e che anche quest’anno ha reso omaggio al Gallo Nero e alle sue colline. I premi speciali Premio Wilier-Triestina per i 110 anni dell’azienda veneta, Premio Ghiott, Premio Antica Macelleria Falorni che nel 2018 festeggia i 112 anni di attività.

Il pasta party. Uno dei fiori all’occhiello della gara, il pranzo finale con le eccellenze gastronomiche abbinate al vino Gallo Nero, servito nel nuovo calice RCR dedicato al Chianti Classico, in omaggio a tutti i partecipanti. Sono stati serviti 1700 pasti agli atleti e ai loro accompagnatori.

Gli amici della GF del Gallo Nero. Partner dell’evento sono stati anche quest’anno i main sponsor ChiantiBanca e Wilier Triestina, all’apice di un parterre di sostenitori che ha visto la partecipazione attiva del Comune di Radda in Chianti e di Sportful, +Watt, Selerbe, Mukki, Ghiott e RudyProject.

L’anima enogastronomica dell’evento è stata garantita, oltre che dal vino Chianti Classico, dai Consorzio  Olio DOP Chianti Classico, Parmigiano Reggiano, Mozzarella di Bufala Campana, Pane Toscano e dalla Macelleria Falorni, artigiano enogastronomico di eccellenza del territorio.

La realizzazione della Granfondo del Gallo Nero è stata resa possibile anche dalla collaborazione di alcune delle migliori energie locali che fanno capo all’associazionismo del territorio, come la Misericordia di Radda in Chianti, l’Associazione Culturale Pro Loco di San Donato in Poggio, La Racchetta Onlus, Circolo il Castagno di Castagnoli, Podistica Valdipesa di San Casciano, la Bulletta Bike di Castelnuovo Berardenga.