Torna l’evento “Porte Aperte a Floramiata”

Sabato 9 e Domenica 10 Novembre, l’azienda floricola amiatina accoglierà clienti, istituzioni e visitatori

Quello di Sabato 9 e Domenica 10 Novembre prossimi venturi, sarà un fine settimana speciale per Floramiata; l’azienda floricola di Piancastagnaio, “aprirà le sue porte” per un importante evento di confronto con gli operatori del settore a cui potranno partecipare liberamente tutti gli interessati.
Due giorni in cui l’azienda toscana si presenta e si propone attraverso un’iniziativa che vuole confermare uno dei principi guida di un’attività imprenditoriale rinnovata, quello che vede nell’unione tra produzione e territorio una sua motivazione e identità,  che va a integrarsi agli investimenti in innovazione, tecnologia e formazione già messi in essere e pianificati per gli anni a venire.

Rispetto alle edizioni passate, Floramiata presenterà un evento completamente rinnovato che punta al rafforzamento, al consolidamento e all’ampliamento dei rapporti commerciali, attraverso il contatto diretto tra azienda e cliente, il quale diviene protagonista all’interno del grande impianto di coltivazione, organizzato per l’occasione da una accurata predisposizione degli spazi espositivi e di accoglienza.
Clienti e visitatori potranno conoscere direttamente l’organizzazione aziendale, dal management al settore commerciale, dai responsabili della produzione agli uffici amministrativi, logistica e marketing.
Sarà possibile approfondire il ciclo produttivo che, da circa 40anni, permette di ottenere piante verdi e fiorite da interni di origine tropicale di alta qualità e bellezza, anche grazie all’utilizzo del naturale calore geotermico di cui l’Amiata è ricca. Sono ben 127 gli ettari di estensione, di cui, circa 24, sono appunto dedicati a serre riscaldate. Una produzione di oltre 300 referenze, appartenenti a oltre 60 specie, garantita da un ciclo produttivo caratterizzato dalla temperatura costante di oltre 25 gradi, possibile anche durante la stagione invernale, che va ad aggiungersi all’illuminazione naturale oltre a dedicati sistemi di irrigazione. Il tutto permette la produzione di piante di qualità superiore. In questo contesto produttivo, Floramiata sta dedicando importanti investimenti che vanno anche a confermare l’impegno a divenire la prima azienda europea “carbon free”.
Attraverso specifici accordi e adeguati investimenti, l’azienda sta ampliando i numeri e le tipologie della produzione con la realizzazione del nuovo vivaio per piante da esterno, che si estenderà su una superficie complessiva di circa 8 ettari, comprensiva di serre riscaldate, tecnologicamente avanzate, con personale formato e qualificato.
Novità del resto presentate anche all’ultimo Flormart (Padova 26-28 Settembre), il “Salone Internazionale del Florovivaismo, paesaggio e infrastrutture verdi”, in cui Floramiata ha voluto sottolineare il proprio impegno verso lo sviluppo sostenibile del nostro pianeta e i benefici per l’uomo derivanti anche attraverso un crescente e corretto utilizzo delle riconosciute proprietà delle piante, molte delle quali vengono prodotte nello stabilimento di Piancastagnaio.