Valdo Spumanti affronta l’emergenza sanitaria con interventi a favore dei dipendenti, delle loro famiglie e della comunità di Valdobbiadene

Il mondo del vino reagisce all’emergenza creata dal Covid-19. Anche nella terra del Prosecco, dal 2019 Patri- monio dell’Umanità UNESCO, è stato recuperato l’ospedale Guicciardini di Valdobbiadene, chiuso dal 1999, grazie all’intervento dell’Associazione Nazionale Alpini.
Valdo, la storica azienda leader del Prosecco Superiore DOCG, dal 1926 a Valdobbiadene, ha dato il suo supporto all’Associazione per rendere possibile questa impresa, richiesta dal nuovo piano regionale, che ha ripristinato più di 140 posti letto oltre ad un patrimonio sanitario importante per la comunità locale.

Inoltre, in questi giorni dif cili, Valdo Spumanti ha messo in atto provvedimenti di emergenza per il lavoro dei suoi dipendenti; ha organizzato il lavoro da casa con lo smart working e dove non era possibile ha attribuito spazi individuali al personale dell’azienda, nel rispetto delle direttive di sicurezza e secondo quanto previsto dall’ac- cordo tra Con ndustria, sindacati e Governo.

Per dare supporto ai dipendenti, l’azienda ha previsto un contributo straordinario di 700 euro per il mese di marzo ed una polizza assicurativa che prevede, in caso di coronavirus, per tutti i dipendenti, un’ indennità di ricovero e di convalescenza ed inoltre un’assistenza post ricovero, nei quattordici giorni successivi.

“Valdo Spumanti, come molte aziende italiane, è da sempre fondata sui valori di una grande famiglia e i prov- vedimenti messi in campo sono proprio quelli di tutela e protezione che avrebbe adottato un buon padre di famiglia” commenta il Presidente Pierluigi Bolla “con tutti i nostri dipendenti condividiamo l’impegno quotidiano, il perseguimento degli obiettivi, i successi e purtroppo oggi anche questo momento così dif cile per tutto il nostro Paese. Vogliamo che si sentano al sicuro consapevoli del fatto che per ogni dif coltà potranno contare sulla nostra forza e sulla nostra determinazione, in attesa di poter tornare alla normalità. Oggi, grazie anche al supporto di tutti nostri dipendenti e collaboratori, che ringraziamo, l’azienda è nelle condizioni di dare continuità alla propria produzione e di conseguenza di soddisfare le richieste della clientela, sia in Italia che all’estero”.